Informazioni turistiche sulla Certosa del Galluzzo a Firenze

Certosa di Firenze

Sul monte Acuto si erge il profilo del complesso detto anche Certosa del Galluzzo di Firenze o di Vai d'Ema, le cui potenti mura gli assegnano un aspetto quasi da fortezza. Fondata nel 1342 da Niccolò Acciaioli, la Certosa si è accresciuta nel corso dei secoli di rilevanti opere d'arte; i Certosini ne hanno mantenuto il possesso fino al 1958, quando vi si sono insediati i Benedettini Cistercensi.

Certosa
del complesso (visite: in inverno 9-12 e 14-17, in estate fino alle 18; chiusa lunedì) il compatto blocco di palazzo Acciaioli, iniziato nel XIV secolo su progetto di fra' jacopo Passivanti e fra' Jacopo Talenti ma portato a conclusione a metà del '500. Vi è sistemata una Pinacoteca, i cui pezzi di maggiore rilievo sono rappresentati da cinque lunettoni ad affresco con scene della Passione di Jacopo Pontormo.

Certosa di Firenze

S. Lorenzo
Sono enormi le proporzioni del piazzale su cui prospetta la cinquecentesca facciata della chiesa, fondata nel XIV secolo; oltrepassato il coro dei Conversi, un vestibolo precede la chiesa dei Monaci, importante principalmente per gli stalli intarsiati e intagliati in legno di noce.
Si discende quindi alla cappella di Tobia, cripta sepolcrale della famiglia Acciaiuoli, dove il monumento funebre di Niccolò Acciaioli è attribuito alla bottega di Andrea Orcagna.
L'attigua cripta della cappella di S. Maria custodisce la lastra tombale del cardinale Angelo Acciaiuoli.

Altri ambienti della Certosa
Dalla chiesa dei Monaci si accede al Colloquio, dove si segnalano le cinquecentesche vetrate a grisaglia e un Cristo porta croce in terracotta invetriata, opera di Gerolamo della Robbia nel chiostrino dei Monaci, spiccano una lunetta con S. Lorenzo tra due angeli di Benedetto da Maiano e, sulla porta della sala capitolare, due lunette del Bronzino, mentre il fastoso e rinascimentale chiostro Grande cela 66 busti in terracotta invetriata, usciti dalla bottega di Giovanni della Robbia.

Visita della Certosa
La Certosa è aperta tutti i giorni, ore 9-12 e 15-17; chiusa lunedì. In autobus: n. 37 dalla Stazione di S. Maria Novella.
 

Foto di Firenze

Davide di Michelangelo (Firenze) Galleria degli Uffizi Campanile di Giotto Basilica di Santa Maria del Fiore Lungarno (Firenze) Palazzo Vecchio